Martialarts-draconia.net

Pubblicità

Yi Quan: il fondatore Wang Xiang Zhai

Yi Quan: il fondatore Wang Xiang Zhai

Oggi parliamo brevemente del fondatore dello Yi Quan (“Pugilato della Mente o dell’Intenzione”, ma conosciuto anche con il nome, più moderno di Da Cheng Quan, o “Pugilato della Grande Realizzazione”). Creatore dello stile fu il maestro Wang Xiang Zhai (1885-1963), famoso per essere un fortissimo combattente ed un profondo conoscitore degli aspetti terapeutuci delle arti marziali. Secondo alcuni lo Yi Quan non rappresenterebbe altro che un “ritorno alle origini” dello Xing Yi fondato dal leggendario generale Yueh Fei (1103-1141), liberato da Wang Xiang Zhai da tutto ciò che di inutile e poco atto al combattimento era stato aggiunto nei secoli.

WANG XIANG ZHAI

Il maestro Wang nacque nel villaggio di Weijialin, nella contea di Shen (Hebei) il 26 Novembre 1886. Come il padre, fu anch’egli allievo (l’ultimo per la precisione) del grande Guo Yu Shen (rappresentante dello Hebei Xing Yi che aveva appreso da Li Luo Neng). Gli allenamenti erano durissimi, con Guo Yu Shen che lasciava il giovane per delle ore in posizioni statiche, o a ripetere infinite volte un solo movimento. Ma questo fece si che Wang divenne in breve il miglior allievo di Guo Yu Shen. Il 1907 fu anno di cambiamenti: il maestro Guo morì e Wang Xiang Zhai andò a servire il suo paese nell’esercito, distinguendosi per la sua audacia e abilità nel combattimento. Nel 1918 cominciò a viaggiare per tutta la Cina alla ricerca dei più famosi maestri di altri stili di Kung Fu. Nei suoi lunghi viaggi incontrò i maestri di Yang Tai Ji, Yang Shao Hou e Yang Zhen Fu (a Beijing), il maestro di Ba Gua, Liu Feng Chun (contea di Zhuo Xiang) e il fondatore del Liu He Ba Fa, maestro Wu Ji Hui (a Shangai e con il quale divenne amico). Nel 1913 a Beijing combattè contro Li Rui Dong, del Li Tai Ji e lo sconfisse. Passò quindi un periodo di studio a Shaolin, studiando Xin Yi Ba con il monaco Heng Lin e con il suo vecchio maestro Ben Jao.

LA RICERCA CONTINUA

Avido ricercatore com’era, Wang Xiang Zhai si recò anche nello Hunan per studiare e confrontare le proprie capacità con Xie Tie Fu, maestro dello stile della Gru di Wudang. Xie Tie Fu sconfisse Wang in combattimento, ma ebbe poi a dire di non aver mai incontrato un combattente così forte. I due divennero amici e Wang studiò diversi anni sotto la guida di Xie. Sempre per quanto riguarda lo studio dello stile della Gru, ma stavolta di quella del Sud, nel 1923 si recò anche a studiare con Fang Yi Zhuang e Jin Shao Feng, maestri di Bai He Quan (pugilato della Gru Bianca, uno stile molto conosciuto nel Sud della Cina). Nel 1925 incontrò il famoso maestro di Xin Yi, Huang Mu Qiao, dal quale imparò una “Vigorosa danza”. Fra i suoi scontri più famosi, ricordiamo quelli contro il giapponese Kenichi Sawai. Ho detto “quelli” perchè Wang e Sawai si scontrarono più volte, ma il risultato fu sempre lo stesso: sconfitta del giapponese che alla fine divenne allievo di Wang Xiang Zhai e fondò un suo stile conosciuto con il nome di Tai Ki Ken.

ALCUNI ALLIEVI

Wang Xiang Zhai era un grande combattente, ma anche un grande insegnante ed ebbe molti allievi, alcuni che svilupparono maggiormente la parte combattiva dello Yi Quan, altri che si concentrarono di più sugli aspetti terapeutici dello stile (ricordo che intorno agli anni ’40, il governo cinese “spinse” molto affinchè Wang insegnasse la parte terapeutica dello Yi Quan). Fra gli studenti conosciuti per aver divulgato gli aspetti guerrieri dello stile, ricordiamo in particolare Yao Zhon Xun (1917-1985), mentre, per quanto riguarda la parte curativa dell’arte, essa vide dei validissimi esponenti nella figlia di Wang, Yu Fang e soprattutto nella figura del medico Yu Yong Nian. Fra gli altri allievi più famosi ricordiamo: Zhang En Dong, Han Qiao, Han Yuen e Pu Hen Fu.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Pubblicità
Pubblicità